top of page
  • Immagine del redattoresavignanochiara

Ad Asiago "La Versione di Fiorella" è riflessione ed emozione

Aggiornamento: 16 set 2022


Fiorella Mannoia in concerto ad Asiago
"La Versione di Fiorella" ad Asiago

Fiorella Mannoia, un concerto e infiniti spunti di riflessione

Un concerto di Fiorella Mannoia offre sempre uno spunto autentico sul quale riflettere, ma anche emozionarsi. Uno sguardo, una strofa che assumono un significato più profondo rispetto a qualche tempo fa, un cambiamento personale o un’avventura da affrontare che si può ricollegare a una canzone. Per questo rivedere un concerto così intenso dal punto di vista musicale, interpretativo e di scrittura è sempre un’esperienza che va al di là delle due ore di musica da vivere senza pensare a nulla. No, nei concerti di Fiorella Mannoia si pensa eccome. È un pensare guardandosi dentro, a volte è un grido che a fatica si trattiene, altre volte è una riflessione sulla propria vita. Penso, ad esempio, al capolavoro “Il peso del coraggio” o al brano “Combattente”. Riflessioni che coinvolgono tutti o solo se stessi. E da queste riflessioni si attinge a nuova linfa, fondamentale per vivere la quotidianità e la vita di comunità.


"Princesa" di Fabrizio De André, una storia da ascoltare

Fiorella, però, è interpretazione e racconto. È introdurre il pubblico a una canzone magari non da tutti conosciuta come è il caso di “Princesa”, brano di Fabrizio De André. È scoperta e riscoperta di un’artista che riesce a catalizzare l’attenzione sia nei pezzi più profondi che in altri più spensierati (l’arrangiamento di “Caffè nero bollente” è di quelli che ti farebbero ballare dal primo secondo all’ultimo). Il tour estivo de “La Versione di Fiorella” nella tappa di Asiago è stato questo e molto altro. Un pubblico incantato, attento, rapito dall’affiatamento che si percepisce tra l’artista e la band (e che grandissima band!). Già, i musicisti. Meritano una menzione speciale perché nei minuti di sola musica hanno regalato uno spettacolo magico. La felicità sui loro volti, il coinvolgimento, l’amore per la musica. Emozioni naturali trasmesse con passione.


Fiorella Mannoia porta sul palco canzoni che hanno fatto la storia della musica italiana

Dai pezzi storici di Fiorella Mannoia quali “Quello che le donne non dicono” (se vi capita fate attenzione all’arrangiamento), “Treni a vapore” e “Il cielo d’Irlanda”, fino ad arrivare a pezzi storici, patrimonio della musica italiana quali “Generale”, “Sally”, “Come si cambia”.

Un viaggio nella musica infinito con l’omaggio a Fred Bongusto a Lucio Dalla. Un cammino che vale la pena percorrere, presi per mano da un’artista generosa quale Fiorella Mannoia e da un band che riesce a fare innamorare della musica anche chi non ha mai avuto la fortuna di suonare nemmeno una nota.

106 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page