top of page
  • Immagine del redattoresavignanochiara

Achille Lauro: la sua musica è la vera Superstar

Aggiornamento: 17 set 2022


Achille Lauro e la sua band in concerto
Achille Lauro in concerto a Brescia

Achille Lauro incanta Brescia con il suo Superstar Summer Tour

Un concerto? No, qualcosa di più. Achille Lauro ha lasciato il segno al Brescia Summer Music all’Arena Campo Marte. Le aspettative erano altissime e non poteva essere altrimenti. Soddisfatte? Decisamente sì. Vuoi per curiosità, per affetto, per amore o per provare la sensazione di vederlo dal vivo, Achille Lauro, accompagnato dalla sua band e dall’Orchestra della Magna Grecia, ha offerto due ore di musica durante il suo Superstar Summer Tour, facendo viaggiare il pubblico tra canzoni più mainstream e altre apprezzate sia dai fan storici che da chi ha imparato a conoscerlo negli ultimi anni. Un viaggio tra generi, sonorità, tematiche, sensazioni. Due ore senza interruzioni se non per i cambi d’abito. Anche questo è parte dello show ma, in questo caso, i capi indossati non hanno prevaricato sull’artista che si è donato al pubblico senza risparmiarsi. Achille Lauro sul palco si sente a casa e si vede sin dal suo ingresso. Padrone del palco, lo rispetta, lo utilizza come meglio crede per dare quel tocco in più a una performance globale di grande qualità. Eh sì perché Lauro ha dimostrato di avere padronanza nella voce. Stupiti? I più attenti no. L’artista romano ha imparato nel tempo a dosare al meglio la sua vocalità. È migliorato molto e si nota soprattutto nelle performance live, vere e proprie esperienze tra suoni, colori, parole e musica.


Ci sarebbe molto da raccontare della tappa bresciana del Superstar Summer Tour. A partire dall’ottima qualità della band: giovani musicisti preparati, sicuri, attenti e divertiti. Con Lauro il feeling si percepisce canzone dopo canzone. E vogliamo parlare della parte tastiera e voce? Signori, chapeau! Il pubblico incantato e con gli occhi fissi sul palco perché era impossibile non restare rapiti dai pezzi proposti e dall’atmosfera che si era creata. Un’intimità che ha annullato qualsiasi altra cosa potesse accadere intorno. Magia. E qui si nota lo spessore dell’artista.


I successi dei primi anni di carriera e le canzoni dell'ultimo disco di Achille Lauro

Lauro ha catalizzato l’attenzione sin dai primi pezzi. Partenza carica con Delinquente e Generazione X che hanno fatto scatenare un pubblico eterogeneo per età. E questa è una grande forza e risorsa per l’artista. Un pubblico variegato che lo ha seguito, ha cantato, si è incuriosito e lo ha sostenuto. Un pubblico maturo per mentalità e per disponibilità a farsi trascinare nella visione artistica di uno dei performer che il nostro Paese può vantare. E pazienza se non tutti lo comprendono: alla fine ognuno porta avanti la propria visione senza per forza dover compiacere il 99% delle persone. Sarebbe impossibile per chiunque, no?

Durante il concerto non sono mancate le famose canzoni Stripper, Domenica, Me ne frego, Rolls Royce e C’est la vie, quest’ultima a chiudere lo spettacolo. Emozione sulle note di 16 Marzo, un pezzo al quale lo stesso Lauro ha dichiarato di essere particolarmente legato. Non sono mancanti pezzi meno recenti, ma molto coinvolgente per il pubblico come La bella e la bestia, Bulgari, Amore mi, Teatro&Cinema.


Cosa ci ha regalato il concerto di Achille Lauro?

Cosa resterà di questo concerto? La generosità di un artista che ha saputo nel tempo donarsi, raccontarsi e offrire la propria visione della vita. Una versione, quella di Lauro, che fa e farà sempre discutere. Certo è che chi ha avuto la curiosità di scoprirlo live forse si sarà ricreduto sulle capacità canore e sulla qualità dell’artista che è riuscito a regalare uno show energico, a tratti commovente e sincero.

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page